InuYasha Wiki
Advertisement

... Vivere è morire. Morire è vivere. Il mio nome è Kikyo. Sono una sacerdotessa che non è in grado di lasciare questo mondo e raggiungere il luogo sacro. No, non è del tutto vero. Una volta ero una sacerdotessa. Ora non sono che un cadavere con un'esistenza falsa e maledetta. Non importa quanto desidero fare del bene e aiutare gli altri, la verità è che vivo delle anime dei morti. Pure è impuro. L'impuro è puro. Il bene è il male. Il male è buono. O è?

— Kikyo che contempla la sua esistenza.

Kikyo (桔梗 Kikyō "Campanula cinese") era una sacerdotessa del santuario vissuta 50 anni prima degli eventi principali della serie. Era responsabile della purificazione della Sfera dei Quattro Spiriti ed era l'ex amante di Inuyasha. Dopo essere stato ingannato e ferito a morte dal mezzo demone Naraku, Kikyo ha legato Inuyasha al Goshinboku con una freccia sacra e ha sacrificato la propria vita per impedire al gioiello di tornare nel regno dei vivi. Poco dopo che il gioiello fu riportato all 'Era Feudale, Kikyo fu resuscitato dal demone ogress Urasue. Dopo aver appreso delle circostanze della sua morte, decise di distruggere Naraku e di eliminare il gioiello Shikon dal mondo.

Storia antica

Poco è stato rivelato sull'infanzia di Kikyo, a parte il fatto che è nata in Giappone durante l'era feudale. I suoi genitori sono morti qualche tempo dopo la nascita della sorella minore Kaede. Ad un certo punto della sua giovinezza, Kikyo decise di perseguire un ruolo professionale come sacerdotessa e guardò Kaede che si era anche formata per diventare una sacerdotessa. Come parte del loro addestramento per diventare sacerdotesse, Kikyo e Kaede vagarono per la campagna e uccisero molti demoni. Durante i loro viaggi, Kikyo e Kaede incontrarono Tsubaki, una donna che in seguito sarebbe diventata una sacerdotessa oscura, e combatterono brevemente contro i demoni insieme. Quando si separarono, Tsubaki lanciò una maledizione su Kikyo in modo che se mai si fosse innamorata, sarebbe inevitabilmente morta di morte violenta. Sebbene Kikyo fosse ben consapevole della maledizione di Tsubaki, non ne fu sconvolta perché credeva che non si sarebbe mai innamorata. [3]

Al ritorno al loro villaggio, uno degli abitanti del villaggio ha rivelato a Kikyo che un uccisore di demoni era venuto a cercarla quella mattina. L'uccisore di demoni tornò quella notte con i suoi compagni uccisori e le affidò il compito di purificare lo Gioiello delle quattro anime, con grande sgomento di Tsubaki. Dopo che Kikyo prese in custodia il Gioiello Sacro, dedicò la sua vita a custodirlo e proteggerlo dagli umani malvagi e dai demoni che lo cercavano per i propri mezzi egoistici. Tuttavia, il suo dovere di protettrice del gioiello significava anche che non poteva mostrare alcun segno di debolezza, per timore che i demoni o gli uomini malvagi dovessero approfittarsi di lei, quindi non era in grado di godersi i piaceri ordinari della sua giovinezza (ad es. le sue labbra e le sue guance, ecc.).

Una notte durante una luna nuova, Kikyo incontrò inconsapevolmente Inuyasha poco dopo una faticosa battaglia per proteggere il gioiello. Subito dopo essere svenuta per la stanchezza, è stata aiutata dalla sorella e da diversi abitanti del villaggio. Era contenta che Inuyasha, che era rimasta invisibile, non l'avesse uccisa. Alla fine, Inuyasha si fece conoscere da Kikyo e tentò di rubare il gioiello Shikon. Kikyo intuì che Inuyasha era solo un mezzo demone, dedusse che voleva che il Gioiello diventasse un demone purosangue e alla fine decise di risparmiargli la vita. Inuyasha ha notato che Kikyo puzzava del fetore del sangue di demone prima che si separassero, quindi iniziò a purificarsi quotidianamente per liberarsi da questo odore. Più tardi, Inuyasha fece un secondo tentativo sul Sacro Gioiello e Kikyo lo sottomise di nuovo facilmente, ma non prima di aver appreso il suo nome. Kikyo, provando un grande senso di empatia nei confronti di Inuyasha, gli risparmiò la vita ancora una volta e lo mise in guardia contro la sua ricerca del Gioiello Sacro.

Dopo che Inuyasha uccise Mistress Centipede per salvare Kaede, Kikyo intuì che il cadavere di Mistress Centipede conteneva ancora potere demoniaco e scelse di mettere i suoi resti nel Pozzo dei Mangiatori di Ossa come precauzione. Durante il loro primo incontro non violento dopo la morte di Mistress Centipede, Kikyo ringraziò Inuyasha per aver salvato la vita di Kaede e gli confidò i suoi sentimenti personali di solitudine e somiglianze con Inuyasha. Inuyasha simpatizzò con lei e chiese a Kikyo di incontrarlo di nuovo il giorno successivo per ricevere un regalo. Quella notte, Kikyo ha incantato le perle per aiutarla a soggiogare Inuyasha ai suoi capricci e impedirgli di fare altri torti. Il giorno successivo, dopo che Inuyasha le aveva regalato il rossetto della sua defunta madre, Kikyo decise di non mettere le perle di sottomissione su di lui. In questo periodo, nascondeva segretamente e si prendeva cura di Onigumo, un bandito paralizzato con cicatrici da ustioni su tutto il corpo. Credendo che Inuyasha avrebbe reagito in modo eccessivo per gelosia, Kikyo chiese a Kaede di non dirgli del trattamento del ferito Onigumo.

In seguito a Kikyo fu chiesto di uccidere un demone di un altro paese e si avvicinò a Inuyasha per chiedere aiuto. I due sono riusciti a sconfiggere questo demone e sono tornati a casa in seguito. Kaede in seguito rivelò a Kikyo le cose inquietanti che Onigumo aveva espresso riguardo a Kikyo durante la sua missione con Inuyasha, ma Kikyo lo mise a posto e spazzò via l'incidente. Qualche tempo dopo, Tsubaki percepì i poteri spirituali di Kikyo diminuire dopo che si innamorò di Inuyasha e cercò di rubare il gioiello sacro. Tuttavia, Kikyo riflette la maledizione di Tsubaki su di lei e poi risparmia la vita a Tsubaki umiliato. Nel frattempo, Onigumo incontra un demone ragno che si è offerto di realizzare i suoi sogni di mobilità, ottenendo il Gioiello Sacro e raggiungendo l'adorabile Kikyo in persona. Accettando i termini, Onigumo offrì il suo corpo a un'orda di demoni, e così nacque il demone mutaforma Naraku.

In un punto sconosciuto, Kikyo e Inuyasha navigarono verso un'isola che appariva solo ogni cinquant'anni. La coppia ha incontrato una banda di mezzi demoni ma è stata attaccata dallo Shitōshin. Durante il combattimento, il demone Gōra ha usato il sangue di Kikyo per creare un doppelgänger di lei, a sua insaputa, e Inuyasha ha ricevuto il Marchio dei Quattro Dei della Guerra. Con l'isola ancora una volta nascosta e fuori portata, Kikyo e Inuyasha decidono di tornare a casa.

Kikyo attacked

La prematura scomparsa di Kikyo.

Alla fine, il villaggio di Kikyo viene attaccato da un'orda di demoni inviati da Naraku. Con i suoi poteri spirituali indeboliti, Kikyo non percepì l'aura del demone collettivo e ferì accidentalmente Kaede durante la battaglia, causando la perdita permanente del suo occhio. Dopo la battaglia, un Kikyo tormentato dai sensi di colpa suggerì di usare il gioiello Shikon per trasformare Inuyasha in un essere umano, un'offerta a cui Inuyasha acconsentì. Se questo piano avesse effettivamente funzionato, sarebbe stato possibile per Kikyo portare avanti la vita di una donna normale al fianco di Inuyasha, e per lui finalmente sentirsi come se appartenesse a un posto come umano. Ha promesso di consegnare il gioiello Shikon a Inuyasha in un certo giorno. Tuttavia, Naraku desiderava un Gioiello Sacro corrotto e desiderava che Kikyo uccidesse Inuyasha stessa, e quindi ricorse alla manipolazione per sviare il loro piano. Naraku si travestì da Inuyasha e abbatté Kikyo, quindi attaccò Inuyasha mentre era travestito da Kikyo, mettendoli l'uno contro l'altro.

Pensando che Inuyasha l'avesse tradita, Kikyo convocò l'ultima oncia della sua forza e potere spirituale per fermare Inuyasha, che ha attaccato il villaggio per lo Shikon Jewel. Tuttavia, incapace di uccidere l'uomo che amava con la sua freccia sacra, Kikyo scagliò invece una freccia sigillante a Inuyasha per inchiodarlo al Goshinboku, dove Inuyasha rimase dormiente per cinquant'anni. Quindi istruì Kaede a bruciare il suo corpo insieme allo Shikon Jewel in modo che il suo incommensurabile potere non sarebbe mai più stato usato per il male. Tuttavia, poiché Kikyo era pieno di odio amaro per Inuyasha al momento della sua morte, il gioiello Shikon si è corrotto. Anche se, a causa del suo amore, Kikyo desiderava rivedere Inuyasha e il Gioiello Shikon usò questo desiderio per tornare nel mondo dei vivi cinque secoli dopo attraverso Kagome Higurashi, la reincarnazione di Kikyo.

In tutta la serie

Wounded Kikyo

Kikyo è resuscitato.

Cinquant'anni dopo, una Oni strega di nome Urasue ha rubato i resti di Kikyo e del terreno del cimitero per creare un nuovo corpo per lei. argilla e ossa. Tuttavia, Urasue fu disturbata nello scoprire che il corpo da lei creato non si sarebbe completamente animato senza il suo spirito e la sua anima. Capì subito che era perché il suo spirito e la sua anima erano già stati reincarnati in un altro corpo, e che l'anima Kagome, essendo la reincarnazione di Kikyo, era necessaria per animare completamente il corpo di argilla di Kikyo. Quando il corpo senza vita è stato infuso con l'anima di Kagome, Kikyo è stato rianimato, accendendo immediatamente Urasue e bruciandola a morte. Non avendo ancora scoperto cosa fosse realmente accaduto cinquant'anni prima, la sua priorità immediata era uccidere Inuyasha. Riuscì quasi in questo compito fino a quando il corpo di Kagome iniziò a richiamare l'anima al suo stesso corpo, il che impedì a Kikyo di completare il suo obiettivo. Kikyo è riuscita a trattenere una parte della sua anima, e così è riuscita a fuggire nella nebbia, dove è stata inseguita da Inuyasha. Subito dopo, Kikyo cadde da una scogliera vicina, presumibilmente morto dal gruppo.

File:23x10.jpg

Il miko con il suo shinidamachū.

Kikyo sopravvisse alla caduta e si trasferì in un piccolo villaggio, occupandosi dei feriti e curando i malati. Era amata dai bambini e gli abitanti del villaggio la rispettavano. Tuttavia, si trovava di fronte a una lotta interna con ciò che era diventata, non una donna vivente, né una persona morta, ma un morto che cammina. Voleva vivere pacificamente nel villaggio, ma era turbata dal pensiero che anche un'esistenza così semplice potesse essere proibita. Un monaco curioso percepì qualcosa di anormale nella sacerdotessa risorta e intendeva scoprire la sua vera natura. La vide assorbire le anime delle donne decedute come mezzo per sostenere il suo corpo di argilla, usando i suoi collezionisti di anime, lo shinidamachu. Il monaco ha cercato di far riposare la sua anima attaccandola con uno dei suoi demoni spirituali chiamato "incantesimo di legame del demone", ma Kikyo ha usato il suo potere spirituale per far saltare il demone a pezzi. Il monaco è stato ucciso da un pezzo del demone che lo ha colpito al collo. Prima di morire, il monaco chiese a Kikyo perché continuasse a vagare su questa terra come morta che cammina. Le disse che il tempo continua per i vivi, ma non continua per i morti, quindi i morti non appartengono a un posto simile, e una tale esistenza è tragica. Mentre Kikyo rifletteva su ciò che aveva detto il monaco, scoprì che Sayo, un bambino che era molto affezionato a Kikyo, aveva guardato l'intera scena e ora era terrorizzato da lei. Triste, Kikyo rinunciò a vivere nel villaggio e se ne andò, scusandosi con Sayo per averla spaventata.

Dopo aver lasciato il villaggio, Kikyo ha cercato di passare la notte da sola in una foresta, posizionando una barriera intorno a lei per evitare di essere notata. Tuttavia, Kagome è stato in grado di attraversare la barriera di Kikyo. Pieno di gelosia verso la sua reincarnazione vivente, Kikyo paralizzò Kagome con il suo tocco e la legò a un albero in modo che Inuyasha non potesse né vedere né sentire Kagome quando arrivò. Quando Kagome ha cercato di spiegare a Kikyo le vere circostanze della sua morte, Kikyo l'ha licenziata, dicendo che chiunque abbia causato la sua morte non è importante, in quanto non può riportarla in vita. Una persona morta come lei desiderava solo vivere di nuovo, cosa che non può essere concessa, quindi desiderava invece non essere dimenticata. Ciò può essere ottenuto aumentando l'amarezza, consentendo ai morti di vivere nel cuore dei vivi. Prima che Kagome potesse convincere Kikyo del contrario, arrivò Inuyasha. Kikyo disse a Inuyasha che doveva disprezzarla per aver raccolto anime per guidare la sua vendetta, ma Inuyasha le disse che non poteva smettere di amarla, anche se lei lo odia. Commosso, Kikyo lo baciò e professò il suo amore tra le sue braccia. Sentendo che il corpo di Kikyo manca di calore, Inuyasha si rese conto che non poteva aiutarla e avrebbe voluto che il tempo si fermasse, cosa a cui Kikyo ha risposto tentando di portarlo con lei nell'Oltretomba. Tuttavia, Kagome è stata in grado di raggiungere Inuyasha con la sua voce in tempo, e Inuyasha ha lasciato Kikyo per liberare Kagome dall'albero. Kikyo, con il cuore spezzato, chiese se Kagome fosse più importante per lui di lei e se ne andò con i suoi collezionisti di anime, dicendo a Inuyasha di non dimenticare che i suoi sentimenti quando si baciarono erano veri. Successivamente, ha visitato Kaede e ha appreso che Naraku era responsabile della sua morte e separazione da Inuyasha.

File:47x290.jpg

Inuyasha abbraccia Kikyo.

Kikyo si è poi trasferito in un tempio, curando le ferite dei soldati. Quando gli uomini del palazzo le chiesero di curare la malattia del loro padrone, Kikyo li accompagnò a malincuore al palazzo, solo per scoprire un'aura oscura intorno al castello. Kikyo fu disturbato nello scoprire che il padrone del castello era già morto dal collo e in giù. Come si è scoperto, il padrone del castello era l'uomo che una volta si faceva chiamare Onigumo prima di nascere come Naraku. Kikyo ha cercato di lasciare il palazzo, ma non ci è riuscito e così, Naraku ha eretto una barriera che ha impedito al suo Shikigami di accedervi, rendendola impotente.

Presumendo che potesse controllare Kikyo, Naraku attaccò un frammento corrotto del Gioiello Shikon a un'anima e lo mise all'interno della sacerdotessa prima di mandarla a cercare Kagome. Il frammento corrotto non è sufficiente per controllare Kikyo, tuttavia, e lei distrugge il golem di Naraku. Quando Kagome arriva, viene sottomessa dallo Shikigami di Kikyo. Kikyo dice a Kagome che Naraku la teme e desiderava controllare Kikyo e costringerla a combattere Kagome, ma che non era caduta così in basso che lei, la custode del Gioiello delle Quattro Anime, sarebbe stata controllata da un semplice frammento. Kikyo quindi prende con forza Jewel shards di Kagome e la spinge in un buco sulle radici degli alberi che rivela le paure più oscure di una persona. Una volta che Inuyasha arrivò per salvare Kagome, se ne andò mentre rideva di Inuyasha, poiché non poteva combattere una donna che amava ancora. Kikyo ritorna al castello di Naraku, rompendo la barriera che aveva eretto per tenere lontana Inuyasha. Poi lo prende in giro, spiegandogli che le sue piccole imprese di stregoneria minore non funzionano su di lei, e consegna volentieri i frammenti che aveva rubato a Kagome, prendendolo ulteriormente in giro dicendo che ha bisogno del potere dei frammenti di gioielli più di chiunque per essere un mezzo demone. Kikyo, ora finalmente sentendo la libertà che non aveva nella sua vita passata, affermò che una volta che Naraku avesse ottenuto tutti i frammenti del sacro Gioiello Shikon, l'avrebbe purificato insieme al Gioiello e inviato il suo spirito malvagio e corrotto nell'Oltretomba. .

Quando Naraku affrontò di nuovo Kikyo e minacciò di ucciderla, lei annunciò che non poteva ucciderla, poiché Naraku aveva ancora il cuore di Onigumo e Onigumo l'amava con tutto il suo cuore malvagio. Naraku inviò un gigantesco collezionista di anime per rubare le anime che Kikyo usava per sostenersi per ucciderla indirettamente, ma Kikyo riuscì a fuggire e Inuyasha la trovò e la salvò. Quando Kikyo disse a Inuyasha che Naraku nutriva ancora sentimenti per lei, un Inuyasha disgustato la prende tra le sue braccia e le dice che è l'unico che potrebbe amarla e proteggerla. Sebbene Kikyo fingesse di obbedire, in seguito gli brandì un coltello al collo e se ne andò dopo aver detto a Inuyasha che avrebbe usato il punto debole di Naraku per purificare lui e il gioiello Shikon. Guardando Inuyasha chiamarla dietro, Kikyo pensò tra sé che il filo del destino (con Inuyasha) non poteva essere ricongiunto poiché era già stato tagliato, il che implica che non poteva più tornare da lui. [4]

Più tardi, Naraku fece un secondo tentativo di uccidere Kikyo sbarazzandosi prematuramente del suo cuore umano, ma si fermò, rendendosi conto che era molto più debole senza il suo cuore umano. Qualche tempo dopo, Naraku partì per Monte Hakurei per rafforzarsi, riuscendo sia a rimuovere completamente il suo cuore umano che a diventare molto più forte. Ha affrontato Kikyo, e quando lei gli ha chiesto quale fosse il suo vero obiettivo, lui ha risposto ferendole il petto, sminuendo la sua incapacità di sanguinare e spingendola in un fiume del suo miasma velenoso, presumibilmente uccidendola.

File:151x30.jpg

Kagome purifica Kikyo.

Molto tempo dopo, gli abitanti del villaggio dissero al gruppo di Inuyasha di una persona misteriosa conosciuta come Saint Hijiri che si diceva fosse estremamente potente. Inuyasha la incontra con due Shikigami che avevano forma umana: Kochō e Asuka, che gli hanno detto che Kikyo è sopravvissuta ma il suo corpo è stato devastato da miasma e la sua voce si è persa. Kochō e Asuka aiutarono Kikyo portando Kagome a una cascata, dove il corpo gravemente ferito e indebolito di Kikyo giaceva sommerso sotto l'acqua. Dissero a Kagome che era l'unica in grado di salvare Kikyo e affermarono che strofinando parte del terreno dalla tomba di Kikyo nelle sue ferite, avrebbe salvato con successo la vita di Kikyo. Kagome accettò di svolgere questo compito e, così facendo, assistette in sogno agli eventi accaduti tra Inuyasha e Kikyo cinquant'anni prima. È svenuta durante il processo di purificazione delle ferite che Naraku aveva inflitto a Kikyo, ma apparentemente ha salvato Kikyo purificando temporaneamente le ferite nel petto di Kikyo. Recuperandosi, Kikyo ordinò a Kochō e Asuka di portarle Inuyasha, dandogli una freccia ricoperta dalla terra della caverna di Onigumo da usare contro Naraku. In seguito sarebbe stata costretta a creare un incantesimo Mayose per uccidere i ratti demoni rilasciati da Hakudōshi per scacciarla a Naraku una volta che si rese conto che era sopravvissuta all'attacco al Monte Hakurei.

Kikyo diede al suo shikigami una ciocca dei suoi capelli per trovare il cuore di Naraku; ci sono quasi riusciti, solo per Kohaku per distruggerli prima che potessero raggiungere l'Infante. Vide che il suo cuore era il suo, eppure seguì gli ordini di Naraku. Interrogandolo, Kikyo si trovò faccia a faccia con Naraku, che non poteva percepire avvicinarsi grazie a Fuyōheki. Fu quasi decapitata da Kohaku su ordine di Naraku, ma l'arrivo di Inuyasha lo costrinse a ritirarsi. Sia lei che Inuyasha si scambiarono informazioni su Naraku e lei se ne andò per trovare il bambino. Lo incontrò e Kanna, realizzando che il Fuyōheki era la pietra blu che il Bambino aveva in mano. Tuttavia, Mōryōmaru l'ha attaccata e se n'è andata con i suoi bersagli. Kikyo avrebbe poi incontrato di nuovo Mōryōmaru, quando stava cercando di prendere i frammenti di Kōga (nell'anime), scoccando una freccia che gli tagliò la parte inferiore del corpo. Quando il demone decollò, Kikyo notò due cose: Mōryōmaru sembrava avere un'anima ora, e che era esausta dopo aver scoccato una sola freccia. Ciò significava che qualcosa non andava. Di notte, è rimasta sbalordita nel vedere due monaci novizi superare la barriera che aveva evocato durante il recupero. È crollata, rendendosi conto che non aveva molto tempo.

In verità, i poteri purificatori di Kagome si rivelarono insufficienti e le ferite di Kikyo si riaprirono. Questo spinse Kikyo a fondere l'anima di Midoriko, l'onnipotente sacerdotessa che creò il sacro gioiello Shikon, nel suo stesso corpo per chiudere le sue ferite e tenere fuori il miasma finché non riuscì a sconfiggere Naraku prima di morire. Inuyasha arrivò per assistere alla guarigione delle ferite nel petto di Kikyo molto rapidamente, e lei gli spiegò che poiché Midoriko era anche una sacerdotessa morta combattendo yōkai, avrebbe capito il desiderio di Kikyo di sconfiggere Naraku. Disse anche a Inuyasha che Naraku non poteva essere ucciso con il Tessaiga; l'unico modo per distruggere completamente Naraku era purificare sia la sua anima che il gioiello Shikon nell'istante in cui Naraku completa l'intero gioiello. Kohaku, arrivando sulla scena per volontà di Midoriko, ascoltò ciò che Kikyo aveva detto a Inuyasha e decise di seguire Kikyo per aiutare il piano di Kikyo per sconfiggere Naraku. Se ne andò prontamente dicendo che non aveva tempo di esitare, lasciando Inuyasha a pensare a se stesso che il piano di Kikyo prevedeva la rimozione del frammento di sostegno vitale di Kohaku, e che Kikyo non poteva essere in grado di fare una cosa del genere.

Kohaku in seguito offrì a Kikyo il suo frammento da usare contro Naraku, e Kikyo gli permise di viaggiare al suo fianco, ma desiderò tra sé che si fossero incontrati in termini diversi in modo da poter nutrire la sua anima sfregiata e incoraggiarlo a vivere. Mentre viaggiava con Kohaku, mantenne lo Shikon Shard nel collo di Kohaku estremamente puro, rendendolo intoccabile per Naraku. Durante il suo viaggio, ha salvato Kōga e gli ha chiesto di consegnarle i suoi frammenti, dicendogli il suo piano per purificare lo Shikon Jewel una volta completato, ma Kōga ha rifiutato. In seguito incontrò Sango e Kagome, che implorarono Kikyo di non prendere la vita di Kohaku e di confidare in Inuyasha, che lavorava continuamente per rafforzare la sua spada, per sconfiggere Naraku.

Naraku ha cercato di catturarla nelle ragnatele, ricorrendo a catturare un bambino innocente in esse per costringere Kikyo a toccarle. Mandò via Kohaku con il suo shikigami per impedire che la contaminazione di Naraku contaminasse il suo frammento. Ha tentato di purificare le ragnatele, ma si è trovata incapace di farlo mentre le veniva mostrato il giorno in cui morì ripetutamente. Nel frattempo, Miroku e Inuyasha hanno combattuto Naraku, durante il quale Miroku ha aperto la sua galleria del vento e ha risucchiato un'enorme quantità di miasma. Miroku era vicino alla morte, ma Kikyo lo salvò assorbendo e purificando il miasma nel suo corpo, anche se questo peggiorò notevolmente le condizioni del suo corpo.

Kikyo e Kohaku incontrarono le ragnatele di Naraku durante i loro viaggi insieme. Ha usato queste ragnatele come un modo per contaminare e indebolire Kikyo. Tuttavia, Kikyo aveva già realizzato il piano di Naraku ed era rimasta sotto la sua barriera spirituale incredibilmente forte e potente. Tuttavia, si è contaminata quando ha tentato di salvare un bambino dalle reti. Ha evocato il suo Shikigami Kochō e Asuka per posizionare una barriera su Kohaku al fine di proteggerlo dalla portata di Naraku, tuttavia, a causa del fatto che era impigliata nelle ragnatele di Naraku, è stata contaminata e la barriera su Kohaku è stata infranta da uno dei Naraku incarnazioni, Byakuya e Kochō e Asuka vengono distrutti da Byakuya. Disse a Kagome, che era stata anche contaminata dalle ragnatele di Naraku, che l'unico modo per salvarle la vita era acquisire l'arco lungo dal sacro Monte Azusa, ma solo se era veramente ciò che desiderava. Kagome si recò al Monte Azusa, dove fu messa alla prova da un'illusione proiettata su di lei dallo Spirito Guardiano della montagna sacra. Dopo aver superato il test, Kagome e Inuyasha tornarono per scoprire che Naraku aveva già catturato Kikyo.

La forte connessione tra Kagome e Kikyo fu mostrata quando Kagome fu in grado di raccontare i pensieri di Kikyo sparandole con l'arco lungo e la freccia che aveva ottenuto dal Monte Azusa al momento giusto. Kikyo, colpita dal sacro arco lungo dal Monte Azusa, scagliò la sacra freccia dal proprio corpo contro Naraku. Il gioiello è stato purificato prima di entrare nel corpo di Naraku, ma Naraku ha vinto contro i poteri di Kikyo e ha contaminato con successo lo Shikon Jewel, rendendo Kikyo completamente impotente e sull'orlo della morte.

File:X4 Inuyasha e Kikyou.jpg

Inuyasha e Kikyo trascorrono del tempo insieme prima della sua morte.

Sebbene Naraku abbia dichiarato la sua vittoria e la sconfitta di Kikyo, Kikyo pensa tra sé che Naraku lo scoprirà dopo la sua morte, poiché aveva lasciato un frammento di luce purificante nel Gioiello Shikon. Mentre Kagome è addolorata per il fatto che i suoi poteri non fossero sufficienti per salvare Kikyo, Kikyo disse a Kagome nel suo spirito che era in grado di salvare la sua anima.

Le ferite che Kikyo subì per aver salvato Miroku dal miasma di Naraku si diffusero, e lei rimase tra le braccia di Inuyasha fino a notte fonda. Hanno parlato del loro passato e di come Naraku abbia avvelenato il loro amore reciproco. Poi vide qualcosa che non aveva mai visto prima: Inuyasha stava piangendo. Inuyasha disse a Kikyo che era la prima persona di cui si fosse mai preso cura o amato, facendolo sentire malissimo per non essere stato in grado di salvarla. Tuttavia, Kikyo gli dice che il fatto che sia venuto è tutto ciò che conta. Condividono un ultimo bacio prima che lei muoia mentre si trasforma in una luminosa sfera di luce. Piuttosto che tornare al corpo di Kagome, lo spirito di Kikyo è stato raccolto dai suoi Collezionisti di Anime ed è asceso alle stelle scintillanti dove è finalmente in grado di riposare in pace.

Il granello di purezza che Kikyo aveva lasciato nel gioiello di Shikon contaminato rimase dopo la sua morte e questo impedì a Naraku di prendere l'ultimo frammento dal collo di Kohaku, finché Magatsuhi non lo contaminò e sigillò i poteri spirituali di Kagome, impedendole di purificarlo di nuovo . Fu posseduto da questo demone e lasciato per dare a Naraku l'ultimo frammento, nel frattempo costretto a rivivere il suo passato doloroso attraverso un'illusione nel sonno. In questa illusione, uno dei collezionisti di anime di Kikyo conduce Kohaku fuori dal suo passato, da sua sorella, che chiede il suo aiuto e lo incoraggia. Fu portato fuori con successo da questa illusione e liberato dal possesso di Magatsuhi, e Kohaku ottenne la forza per smettere di scappare dal suo passato e continuare a vivere. Tuttavia, dopo una lotta con Naraku, Kohaku ha rimosso il suo frammento, uccidendolo. Naraku prende in giro l'incapacità di Inuyasha di prevenire la morte sia di Kikyo che di Kohaku, e Sango lo tiene in lacrime. Se Naraku avesse assorbito il gioiello Shikon completato, la luce di Kikyo lo avrebbe purificato e ucciso Naraku. Tuttavia, Kikyo decide di lasciare il compito di sconfiggere Naraku al gruppo di Inuyasha e trasferisce il suo granello di purezza dal gioiello Shikon completo a Kohaku, in modo che possa vivere.

Personalità

" Non devo mostrare a nessuno le mie debolezze. Non devo mai avere dubbi, altrimenti i demoni mi prenderebbero. Sono umano ma non posso essere umano. Siamo abbastanza simili, tu ed io. Mezzo demone ... Ecco perché non ho potuto ucciderti. "
― Kikyo riguardo al suo comportamento. [src]

Kikyo era conosciuta come una donna compassionevole, gentile, premurosa e premurosa prima della sua morte. Ha mostrato grande simpatia verso tutti, anche i suoi nemici. Questo è stato visto quando tendeva al benessere di Onigumo nonostante fosse un bandito. Aveva anche compassione per Kansuke e simpatia per Inuyasha. Kikyo era anche molto brava con i bambini durante la sua vita; indipendentemente dal villaggio in cui andava, i bambini le erano sempre stati affezionati. Quando era in vita, Kikyo era anche molto devota ai suoi doveri di sacerdotessa e completamente incorruttibile, non usava nemmeno lo Shikon no Tama per salvarle la vita quando poteva, ma istruiva Kaede a bruciarlo insieme al suo corpo per impedirglielo. cadere nelle mani di chi ne abuserebbe. | - | Spettro =

" Odio tutte le cose. Disprezzo ogni creatura vivente che è vincolata al tempo. "
― Kikyo mostra amarezza nei confronti della vita dopo la sua risurrezione. [src]

Dopo la sua risurrezione, Kikyo non è sempre stata gentile come una volta. Aveva sviluppato un odio ritrovato che non aveva mai provato quando era viva. Questa libertà di odiare la soddisfaceva, poiché non le era mai stato concesso quando era viva. All'inizio, voleva vendicarsi di Inuyasha, credendo che fosse il suo assassino. Tuttavia, alla fine scoprì la verità e rivolse il suo odio verso Naraku. Lentamente, ha iniziato a diventare più simile a se stessa. Nonostante la sua compassione, prima di incontrare Inuyasha, raramente, ha mostrato apertamente delle emozioni, mantenendo sempre una calma, apparentemente apatica compostezza, simile a Sesshōmaru. A differenza di lui, tuttavia, Kikyo non nascondeva il fatto che si prendeva cura degli altri, specialmente di sua sorella minore, Kaede.

Kikyo era anche una donna molto saggia per la sua età e piuttosto ingannevole. Kikyo ha escogitato piani astuti per distruggere Naraku, anche se lo ha fatto in modi strani. Per un po ', Kikyo sembrava essere dalla parte di Naraku da quando gli aveva consegnato i frammenti di gioielli Shikon di Kagome, a cui questa azione indusse Inuyasha ad accusare Kikyo di tradimento. Tuttavia, ha spiegato che gli ha dato i frammenti per lanciare Naraku verso la morte e che non gli avrebbe mai permesso di prendere la vita di Inuyasha. Voleva vendetta tanto quanto lui e desiderava porre fine alla vita di Naraku. Ha capito che Naraku era un mezzo demone e che possedeva ancora il cuore di Onigumo, il cui proprietario aveva ancora dei sentimenti per lei. Kikyo trovava i suoi sentimenti per lei ironici e ridicoli, e provava molto disprezzo nei suoi confronti. Come Spettro, Kikyo ha mostrato un lato più sadico di lei di quanto non fosse viva mentre ride di Naraku e lo deride, riguardo al possesso del cuore di Onigumo da parte di Naraku, ogni volta che ne ha la possibilità mentre Naraku la spia. Non è mai stata intimidita da Naraku ed è stata audace ogni volta che lo ha affrontato.

Dopo la resurrezione di Kikyo, ha sviluppato un forte attaccamento alla vita che non aveva quando era viva. Rifiutandosi di morire da sola, ha deciso che avrebbe portato Inuyasha con sé all'inferno. Tuttavia, questo obiettivo alla fine svanì man mano che apprese di più sulle circostanze dietro la sua morte. I sentimenti di Kikyo per Inuyasha erano complessi e tesi. All'inizio, il puro amore di Kikyo per lui si trasformò in odio profondo (anche se in fondo, una parte di lei aveva ancora dei sentimenti per lui). Con il progredire della serie, i sentimenti di odio di Kikyo nei confronti di Inuyasha sono scomparsi e presto è diventato chiaro a tutti che l'amore di Kikyo per Inuyasha era tornato. Sebbene i sentimenti di Kikyo e Inuyasha fossero reciproci, la loro relazione era imbarazzante e tesa a causa di Kagome, la sua reincarnazione del 20 ° secolo. Kikyo era ben consapevole dell'amore di Kagome per Inuyasha (così come del suo per Kagome), e la situazione non le andava bene. A causa di ciò, Kikyo era geloso di Kagome, credendo che la stesse sostituendo e, di conseguenza, non le voleva molto bene. Nonostante il suo disagio nascosto per questo, Kikyo arrivò ad accettare il fatto che Kagome stava prendendo il suo posto in questo mondo e nell'anime, sarebbe arrivata al punto di proteggere Kagome poiché Inuyasha avrebbe avuto il cuore spezzato se fosse morta. È stata sorpresa dalla gentilezza incrollabile di Kagome nei suoi confronti, nonostante il comportamento freddo di Kikyo nei suoi confronti.

Descrizione fisica

Kikyo055

Vestito di Kikyo.

Kikyo era una bellissima donna dalla pelle chiara con lunghi capelli neri che erano spesso legati in una coda di cavallo bassa e sciolta da un nastro bianco con frangia che pendeva sopra la fronte e occhi marroni. Nonostante la sua ben nota bellezza, mostrava regolarmente espressioni cupe o serie a causa del suo passato e del suo tragico passato. Era 169 cm (5'6), molto alta per una donna giapponese nel Sengoku Jidai, il che la rendeva un centimetro più alta di Inuyasha.

Vestito

Kikyo indossava l'abito tradizionale di un miko, che è rimasto sostanzialmente invariato fino ad oggi, tranne per la mancanza della cucitura a spacco sulle spalle. Kikyo indossava una giacca bianca con "sode-kukuri" (corde) sulle maniche e spalle aperte (simile agli abiti di Inuyasha e Jaken). Stringhe chiamate "muna-himo" erano attaccate a ciascun risvolto e legate davanti per mantenere il capo chiuso. Il "kosode" di Kikyo sarebbe molto simile a un moderno Kendo o Naginata Keikogi, con la manica aderente un po 'come una moderna camicia ampia e che si estende leggermente oltre il polso. Gli spacchi sul lato della sua "hakama" e le aperture sulle maniche e sulle spalle della sua "hitoe" (giacca) mostravano il "kosode" bianco che sfoggiava. Questo è stato un effetto moda deliberato. Kikyo indossava un "nagabakama" (un hakama molto lungo) rosso vivo, che includeva la piccola tavola nella parte bassa della schiena. Come la maggior parte degli altri personaggi, anche lei è stata perennemente scalza per tutta la serie, tuttavia questo è stato cambiato nell'anime in cui Kikyo indossava comuni tabi (calzini) e sandali di paglia di riso. Kikyo sfoggiava un Obi , o cintura rossa, su tutti gli altri suoi indumenti.

Poteri e abilità

* "I poteri spirituali di Kikyo si manifestano come un bagliore di luce color lavanda, sebbene in alcune occasioni sia azzurro."

  • ' Immense Spiritual Power:' Kikyo è una sacerdotessa molto rispettata con poteri spirituali innatamente forti. Kikyo ha ricevuto un addestramento formale come sacerdotessa e il demone medio non può competere con lei. [5] Sua sorella Kaede ha anche notato che Kikyo è eccezionalmente potente, anche per una sacerdotessa. Così grandi erano i suoi poteri spirituali, demon slayers affidò a Kikyo il compito di custodire e purificare lo Shikon Jewel. Grazie ai suoi vasti poteri spirituali, è in grado di eseguire diversi potenti incantesimi o incantesimi mistici (ad es. mayose incantesimo di alto livello). Kikyo può anche combinare frammenti del Gioiello Sacro attraverso la preghiera. Anche dopo il suo risveglio, Kikyo mantenne i suoi immensi poteri spirituali, e nella morte il suo potere permise a Kohaku di sopravvivere alla rimozione del suo pezzo dello Shikon Jewel.
    • Kikyo Spiritual Power Projection

      Kikyo usa i suoi poteri spirituali in modo offensivo.

      'Proiezione di energia spirituale:' Kikyo può eseguire una tecnica in cui il suo nemico viene toccato direttamente e distrutto con potere spirituale. Kikyo può scacciare il demone medio con un solo colpo, come si è visto quando Kikyo, che non era nemmeno completamente consapevole, sconfisse rapidamente Urasue. Se è a distanza ravvicinata, può persino attaccare con il potere spirituale del suo dito. Kikyo lo ha dimostrato quando ha usato il dito per rompere il legno con il suo potere spirituale, intimidendo Kagome. [6] In un'altra occasione, quando Kikyo e Kagome erano intrappolati da soli in una grotta insieme, Kikyo concentrò il potere spirituale nei suoi palmi per distruggere gli insetti demoniaci che li stavano attaccando. [7]
    • ' Spiritual Shields:' Kikyo può concentrare il suo potere spirituale in scudi o schermi energetici. Sotto una barriera, crea aree in cui né gli umani né i demoni possono entrare. Quando un umano crea una barriera, anche un monaco ascetico deve concentrarsi duramente, ma nel caso di Kikyo, può mantenere una barriera nel sonno.
    • Kikyo Spiritual Immobilization

      Kikyo usa i suoi poteri per paralizzare Kagome.

      'Immobilizzazione spirituale:' Kikyo è in grado di sigillare la volontà, le parole e l'azione di un altro con il suo potere spirituale. Quando paralizza qualcuno, potrebbe anche renderlo invisibile a tutti gli altri tranne che a lei. Kikyo ha sigillato il movimento di Kagome semplicemente toccandole leggermente la fronte con le dita. [8] [9]
    • 'Riflessione spirituale:' Se il suo avversario è meno potente di lei, Kikyo può attaccare senza usare il suo potere spirituale e invece restituire il potere spirituale rilasciato dal suo nemico a lui. Kikyo ha riflesso con successo maledizioni e incantesimi su Tsubaki, che ha scatenato un serpente shikigami su Kikyo, e un monaco ascetico di nome Seikai, che ha tentato di sigillarla con un "Incantesimo Vincolante del Demone".
    • InuYasha Final Act Screenshot 07 Kikyo Purifying 02

      Kikyo purifica il miasma nel corpo di Miroku.

      'Abilità di purificazione:' Come sacerdotessa addestrata, Kikyo può usare i suoi poteri spirituali per inviare il male o non salvato in paradiso e purifica le forze malevole (ad esempio le energie demoniache o il miasma). Può anche concentrare questi effetti purificanti attraverso strumenti (ad esempio frecce). Nonostante fosse impregnato di un frammento contaminato del gioiello Shikon di Naraku, Kikyo non cadde preda della sua influenza negativa e fu in grado di purificare il frammento con facilità. I suoi poteri di purificazione sono tali che la luce purificante che ha infuso nel frammento di Shikon Jewel di Kohaku era ancora abbastanza efficace da minacciare Naraku anche dopo la sua morte. Sebbene, Magatsuhi, la forza malvagia all'interno dello Shikon Jewel, sia riuscita a superare questa purificazione ed è stata in grado di corrompere il frammento di Kohaku.
    • ' Shikigami Creation:' Kikyo può creare Shikigami di tipo umano per svolgere vari compiti per lei; i suoi Shikigami più usati erano chiamati Kochō e Asuka. Un altro Shikigami Kikyo aveva creato era indicato come Santo Hijiri ed era specificamente potenziato dalle sue energie spirituali. Ha usato l'Hijiri come distrazione in modo da potersi prendere il tempo per riprendersi completamente dalle ferite piene di miasma che Naraku le aveva inflitto sul Monte Hakurei. Kochō e Asuka originariamente rimasero al fianco di Hijiri, ma dopo che St. Hijiri fu distrutto da Kagura, continuarono ad aiutare Kikyo direttamente.
  • 'Consapevolezza spirituale:' Come risultato dei suoi innati poteri spirituali e dell'addestramento come sacerdotessa, Kikyo può percepire visivamente la presenza di umani o demoni e distinguere tra il divino o il demoniaco. Può anche vedere attraverso le aure demoniache e le barriere, così come percepire o percepire la presenza di frammenti dello Shikon Jewel.
  • 'Resistenza sopra la media:' Nonostante sia stata ferita a morte da Naraku travestito da Inuyasha, Kikyo è stata in grado di raccogliere le forze per sigillare Inuyasha prima di morire alla fine nonostante abbia dovuto camminare per una distanza considerevole con le ferite aperte e sanguinando copiosamente.
  • 'Master Archer and Marksman:' Venerato come un maestro arciere da Inuyasha, Kikyo eccelle nell'uso di arco e frecce. Grazie alla sua grande abilità nel tiro, è in grado di lanciare più frecce in rapida successione, colpendo i punti deboli di un nemico con estrema precisione e colpendo direttamente piccoli bersagli a grandi distanze, persino perforando precisamente Inuyasha vicino al cuore con una singola freccia, nonostante sia stata ferita a morte e lui che si muove ad alta velocità nell'aria. Kikyo è stata in grado di insegnare a sua sorella minore, Kaede, l'abilità del tiro con l'arco che l'ha portata a essere lei stessa una potente sacerdotessa e arciera.
  • [[File: Kikyo_Purifying_Powers.png | thumb | Con un dito ha espulso un fastidioso diavoletto e ha salvato un uomo gravemente ferito.] 'Guaritore esperto:' Kikyo è un guaritore estremamente abile ed esperto, dotato di un vasta conoscenza delle erbe medicinali. Usando i suoi poteri spirituali per dissipare i portatori di barriere degli inferi o dei demoni, può proteggere ulteriormente le vite dei malati o dei feriti usando le sue conoscenze mediche.
  • 'Alta intelligenza:' Acutamente percettivo, Kikyo può vedere attraverso gli obiettivi dei nemici e analizzare con calma le loro posizioni o situazioni. Ha anche una vasta conoscenza. [10]

Come spettro

Avendo avuto un forte potere spirituale nella vita, Kikyo fu rianimato dalle arti necromantiche della maga yōkai Urasue. Dopo la sua risurrezione, il corpo di Kikyo fu fatto delle sue stesse ossa, che conservavano il loro potere spirituale, e del terreno dalla sua tomba. Da allora Kikyo ha ottenuto l'accesso a una serie di altri poteri soprannaturali dopo il suo risveglio, il tutto mantenendo le sue capacità di sacerdotessa e poteri spirituali.

  • 'Immortalità:' Dopo essere stato resuscitato da Urasue, Kikyo ha guadagnato un calibro di immortalità. Poiché era lo spettro di un essere umano deceduto, Kikyo era immune alla morte naturale (ad esempio invecchiamento, malattie, veleni mondani e altre fatalità ordinarie per gli umani) fintanto che manteneva il suo corpo di argilla con le anime dei morti. Ad esempio, dopo essere stata resuscitata da Urasue, Kikyo è tornata nel suo stato ferito ma è stata ancora in grado di combattere una considerevole lotta contro Inuyasha nonostante "sanguinava" copiosamente dalle sue ferite aperte. Anche Kikyo è sopravvissuto a cadute da grandi altezze.
  • ' Shinidamachū Command:' Kikyo può evocare e comandare a piacimento demoni simili a serpenti, usandoli per sostenere il suo corpo di argilla. In particolare, ottiene informazioni sui morti e chiede allo shinidamachu di privarli della loro anima prima che ascendano al cielo. Apparentemente, le anime morte delle donne miserabili sono particolarmente più facili da assorbire. [11] Kikyo può anche usare queste creature per intrappolare gli altri e ottenere informazioni.
    • 'Volo:' Consentendo ai suoi collezionisti di anime di avvolgerla e trasportarla in aria, Kikyo può ottenere una forma di volo.
    • 'Marionette:' I collezionisti di anime di Kikyo possono rubare le anime dei vivi, rendendoli i suoi schiavi senza cervello.
  • 'Barriera contro Naraku:' Kikyo mise parte del terreno dalla Onigumo della grotta, che era saturo dei sentimenti del bandito per lei, nel suo corpo. Agendo come una barriera terrestre, questo servì ad annullare il potere demoniaco di Naraku inducendo un'ondata di sentimenti di Onigumo. Così, mentre il cuore di Onigumo era ancora all'interno di Naraku, quest'ultimo non poteva ferirla liberamente senza subirne anche gli effetti negativi. [12] [13]
  • 'Teletrasporto:' Kikyo è apparso o svanito improvvisamente in diverse occasioni dalla scena. [14] [15] Non è noto se questa sia un'illusione o il risultato del suo erigere e dissipare la sua barriera.
  • 'Psychic Link:' Kikyo e Kagome sembravano avere la capacità di comunicare telepaticamente verso la fine della vita di Kikyo. Parlarono mentalmente per la prima volta quando Kagome stava per scoccare la sua freccia sacra contro un Gioiello Sacro corrotto e ancora una volta quando Kikyo stava morendo tra le braccia di Inuyasha. Errore nelle note: </ref> di chiusura mancante per il marcatore <ref>
  • 'Mortalità:' Nonostante i suoi poteri spirituali, Kikyo era ancora umana e condivideva molte delle stesse debolezze degli esseri non soprannaturali (ad esempio età, perdita di sangue, decapitazione, malattia, insufficienza cardiaca, soffocamento, collo spezzato, eccetera.). In effetti è stata una ferita mortale inflitta da Naraku stesso che ha provocato la sua morte.
  • 'Sforzo eccessivo:' Come esemplificato da Kaede e Tsukiyomi, esercitare i propri poteri spirituali oltre un certo punto può causare un estremo esaurimento fisico e, se portato all'estremo, la morte. Sebbene Kikyo sembrasse possedere un pozzo infinito di potere spirituale, c'è almeno un caso in cui ha sofferto degli effetti di uno sforzo eccessivo. [16]
  • ' Spiritual Powers:' Nonostante avesse lei stessa un grande potere spirituale, Kikyo si dimostrò comunque suscettibile agli effetti del potere spirituale. Ad esempio, Kikyo fu maledetto da Tsubaki.

| - | Spettro =

  • 'Kagome:' La reincarnazione di Kikyo, Kagome Higurashi, deteneva il potere sulla loro anima condivisa; quando Kikyo reagì alla rabbia di Kagome, la sua anima la lasciò. Kagome, avendo la stessa anima, era anche in grado di passare liberamente attraverso la barriera di Kikyo senza ostacoli.
  • 'Shōki:' Veleni potenti, come il miasma migliorato di Naraku, possono danneggiarla. Ciò è mostrato quando, dopo essere stata spinta in un fiume dal potente miasma di Naraku e aver infettato il suo corpo di argilla, è stata resa inabile fino a quando non è stata temporaneamente purificata da Kagome.
  • File:Kikyo Collecting Lost Souls.png
    'Soul Deficiency:' Poiché l'anima di Kikyo si era già reincarnata a Kagome, solo una parte di essa rimane nel suo corpo di argilla. Soffre quindi di una deficienza dell'anima e deve ricaricarla con le anime morte; altrimenti diventa incapace di muoversi. [17]
  • ' Spiritual Powers:' Nonostante avesse lei stessa un grande potere spirituale, Kikyo si dimostrò comunque suscettibile agli effetti del potere spirituale. Ad esempio, Kikyo fu momentaneamente sottomesso dall'incantesimo di Seikai che legava i demoni; tuttavia, la forza di volontà e il potere di Kikyo erano in grado di sopraffare l'incantesimo del monaco. Inoltre, la barriera purificante intorno Monte Hakurei era così potente che ci vollero tutte le sue forze a Kikyo solo per rimanere alla base della montagna.
</tabber>

Armi

  • Kikyo Bow & Arrow

    Frutto di una pratica diligente durante il suo addestramento per diventare una sacerdotessa, Kikyo è una maestra arciera.

    ' Arco e frecce:' Kikyo porta spesso un rosso tradizionale Saigu-Yumi e una faretra di Hamaya. A differenza di Kagome, che usava un 'hankyū' ( '半 弓' ), Kikyo normalmente usava un 'daikyū' ( '大 弓' ).
    • ' Frecce sacre:' Kikyo può caricare frecce con i suoi poteri spirituali, che consentono alle frecce di polverizzare i nemici, penetrare barriere, rompere incantesimi e purificare oggetti come il gioiello Shikon. L'efficacia delle sue frecce sacre varia a seconda del suo stato emotivo, ma a volte il suo potere spirituale diventa tale da poter distruggere edifici. Anche se sfiorano semplicemente i suoi nemici, le sue frecce sacre possono comunque causare danni considerevoli. Kikyo può controllare a piacimento l'estensione del suo potere spirituale ed è in grado di sigillare i nemici senza sterminarli; per esempio, semplicemente inchiodando il suo obiettivo a un albero. Questo tipo di freccia sacra è indicato come la "" Freccia del Sigillo "" e pone un demone sotto un incantesimo di sonno eterno. Secondo Kikyo, queste frecce hanno lo scopo di sigillare i demoni che sono altrimenti invincibili. Se un demone è sigillato sul Tree of Ages, il corpo del demone rimane perfettamente intatto e conservato. Si sveglieranno solo quando colui che ha scagliato la freccia desidera disperatamente che il demone venga rianimato.
    • 'Riflessione:' Caricando il suo arco con il potere spirituale, Kikyo può riflettere il potere spirituale di un avversario più debole su di lui. Ha usato il suo arco per restituire il serpente shikigami liberato da Tsubaki e ha danneggiato la faccia di Tsubaki, lasciando una cicatrice spirituale.
  • 'Coltello:' Kikyo ha nascosto un coltello sulla sua persona almeno una volta. Quando Inuyasha ha abbracciato Kikyo, ha tirato fuori un coltello dalla manica per minacciarlo.

Relazioni

Inuyasha

" Inuyasha, dopo averti incontrato ho rinunciato alla mia posizione di sacerdotessa del santuario. Sono diventata una donna normale. Desideravo abbracciarti così quando ero vivo. Non siamo in grado di riportare indietro le lancette del tempo. Quindi, per favore, permettimi di abbracciarti ancora un po '. "
― Kikyo riguardo ai suoi sentimenti nei confronti di Inuyasha. [src]
File:Inuyasha e Kikyo Final Kiss.png

Kikyo e l'ultimo bacio di Inuyasha prima della sua seconda e ultima morte .

Kikyo e Inuyasha si sono conosciuti quando ha iniziato a custodire il gioiello. All'inizio si scontrarono, ma col passare del tempo si innamorarono entrambi. Volendo essere un essere umano normale, Kikyo chiese a Inuyasha se avrebbe usato lo Shikon no Tama per diventare un umano e stare con lei. Naraku quindi interviene costringendo Inuyasha e Kikyo a rivoltarsi contro un altro finale in Inuyasha che viene suggellato all'Albero delle Ere e alla morte di Kikyo. Tuttavia, sia Inuyasha che Kikyo si incontreranno di nuovo dopo che il demone Urasue riporta in vita Kikyo e il sigillo su Inuyasha viene spezzato dalla sua reincarnazione moderna, Kagome. Tutto ciò che Kikyo voleva alla fine era vivere insieme a Inuyasha come una donna normale, ma alla fine fu uccisa ancora una volta da Naraku. Tuttavia, dopo un lungo periodo di sofferenza, ha detto che la sua anima è stata salvata da Kagome, quindi ha condiviso un ultimo bacio con Inuyasha ed è morta tra le sue braccia. Anche se è morta, la sua luce ha salvato Kohaku invece di distruggere Naraku dopo la sua morte. Inuyasha soffrì di una depressione straziante per aver perso Kikyo, poiché voleva proteggerla per sempre; soffriva da tempo di insonnia autoinflitta perché non voleva vedere costantemente Kikyo nei suoi sogni, cosa che trovava troppo dolorosa.

Kagome Higurashi

Kikyo-And-Kagome-041

Kagome porta Kikyo sulla schiena.

Kagome è la reincarnazione di Kikyo, anche se le loro personalità sono molto diverse. - Mentre Kikyo ha una personalità vendicativa, diffidente e stoica, Kagome ha una personalità gentile, allegra, indulgente e di cuore aperto. All'inizio, il corpo di Kagome viene usato da una strega per rianimare Kikyo. Tuttavia, non molto più tardi dopo che Kikyo viene rianimato, Kagome inizia a richiamare la sua anima. Kikyo alla fine fugge dalla scena con un piccolo frammento della sua anima intatto. All'inizio della serie, Kikyo ha un confronto con Kagome. Kikyo ha cercato di uccidere Kagome (cosa che lei racconta a Inuyasha in seguito). Entrambi si preoccupano e sono innamorati di Inuyasha e diverse volte hanno lavorato insieme e si sono aiutati a vicenda ed entrambi si sono salvati l'un l'altro in numerose occasioni durante la serie. Kagome e Kikyo sono gelosi l'uno dell'altro, poiché entrambi condividono un legame speciale con Inuyasha, sebbene Kikyo abbia mostrato la sua invidia maggiore. Poco prima della morte di Kikyo, Kikyo dà a Kagome il suo arco e augura ogni bene a Kagome, chiedendole di non piangere mentre Inuyasha la toglie. Kikyo affida a Kagome anche il compito di distruggere Naraku e il gioiello, oltre a mantenere la "luce" nel frammento di Kohaku. Incapace di salvare Kikyo dalle ferite della ragnatela di Naraku, Kagome piange e desidera che in qualche modo possa fare di più per salvarla; Kikyo la consola che lei "è riuscita" a purificare la sua anima, assicurandole una pacifica vita nell'aldilà. Kikyo ha anche un'alta opinione di Kagome, dicendo a Tsubaki che la sua maledizione non avrebbe influenzato Kagome e non avrebbe interferito con il tentativo di Tsubaki di uccidere Kagome, apparentemente volendo che diventasse più forte dall'esperienza.

Kaede

File:147x42.jpg

Kikyo con sua sorella Kaede.

Kikyo amava sua sorella minore Kaede. I due erano molto vicini al momento in cui Kikyo era vivo. Non molto tempo prima che morisse, Kikyo sparò accidentalmente a un demone nelle immediate vicinanze di Kaede e una parte del demone volò verso Kaede, accecandola da un occhio. Al momento della resurrezione di Kikyo, Kikyo non poteva riconoscere Kaede poiché erano passati cinquant'anni dalla sua morte, ma Kikyo visitava Kaede occasionalmente. Alla morte finale di Kikyo, l'anima di Kikyo visita Kaede e le offre le sue ultime scuse e addio, mostrando il suo grande amore per la sorella minore.

Kohaku

" I suoi occhi non mostrano paura. Nemmeno la minima esitazione. La vita è così dolorosa per te da accogliere la morte? Mi rattrista molto il fatto che se ci fossimo incontrati in circostanze diverse, il mio unico istinto sarebbe stato quello di guarire l'anima spezzata di questo bambino e di incoraggiarlo a vivere la sua vita. Ma il mio dovere ora mi vieta di farlo per lui. Perdonami, Kohaku. "
― I pensieri di Kikyo su Kohaku. [src]

Kohaku fu trovato qualche tempo dopo quell'anno da Kikyo che provava pietà per il ragazzo. Durante il suo viaggio, Kikyo avrebbe provato a purificare Kohaku. Durante l'ultima stagione, Kohaku sarebbe stato il compagno di viaggio di Kikyo dopo essere stato liberato dalla corruzione di Naraku. Kohaku, credendo che il suo frammento avrebbe aiutato a distruggere Naraku, decide di sacrificare il suo frammento e muore. Come il suo ultimo atto di compassione per Kohaku, Kikyo ha ritirato il suo spirito e potere dall'ormai contaminato Shikon Jewel e invece lo usa per resuscitare Kohaku.

Naraku

" Naraku, io non morirò adesso. Ti aspetti che muoia tra le tue braccia sporche!? "
― Kikyo mostra il suo disprezzo per Naraku. [src]

Naraku è l'uomo che ha indotto Kikyo a tradire Inuyasha. Mentre Kikyo nutre un ovvio odio e disgusto per lui, Naraku è mescolato tra odio e amore per Kikyo a causa del suo cuore umano che una volta apparteneva a un bandito di nome Onigumo. Onigumo una volta era stato innamorato di Kikyo quando si prendeva cura di lui per pietà. Durante la serie, Kikyo e Naraku interagiscono in diverse occasioni. Ad un certo punto, Kikyo dà a Naraku frammenti di gioielli sacri. All'epoca si è frainteso che Kikyo avesse formato un'alleanza con Naraku, tuttavia, in verità, aveva pianificato di purificare il gioiello Shikon insieme a Naraku una volta completato. Naraku tenta anche di uccidere Kikyo in molte occasioni perché è una delle sue più grandi debolezze, riuscendoci infine. Alla fine della serie, viene rivelato che il vero desiderio di Naraku per il Gioiello Sacro era stato quello di avere l'amore di Kikyo, ma non è stato concesso.

Apparizioni

Manga

Template:Casella di scorrimento

Anime

Template:Col-begin Template:Col-2

InuYasha

Template:Casella di scorrimento Template:Col-2

InuYasha The Final Act

Template:Casella di scorrimento Template:Col-end

Hanyō no Yashahime

  • Episode 1 (Hanyō no Yashahime) Template:Fb
  • Episode 4 (Hanyō no Yashahime) Template:C [18]
  • Episode 5 (Hanyō no Yashahime) Template:C

Curiosità

  • Noriko Hidaka che ha doppiato Kikyo ha anche doppiato Akane Tendo in "Template:Wplink", un'altra serie di Rumiko Takahashi.
  • Nel doppiaggio inglese, Willow Johnson ha anche doppiato Kasumi Tendo in "Ranma ½".
  • Nel doppiaggio coreano, il suo nome è stato cambiato in Geumgang.
  • Rumiko Takahashi ha dichiarato in un'intervista che Kikyo era morto "intorno" all'età di 17 anni, ma questa non era una dichiarazione diretta. [19] Inoltre, sembrava contraddire il suo libro ufficiale sui profili dei personaggi, che afferma che aveva 18 anni.
  • Rumiko Takahashi ha dichiarato di aver scelto il nome di Kikyo basandosi sul linguaggio dei fiori, poiché il significato della Campanula cinese è "amore immutabile".
  • Secondo Rumiko Takahashi, alla fine, il potere spirituale di Kagome era più forte di quello di Kikyo; sebbene la maggior parte dei poteri di Kagome non sia attualmente sviluppata. [20]
  • Nel manga, Kikyo è molto più amorevole e gentile con Inuyasha una volta che si rende conto che Naraku era responsabile della sua morte.
    • Anche nel manga, è più espressiva, sogghigna e persino pungolando InuYasha e Naraku più volte.

Citazioni

" È possibile. È vero che sei mezzo demone, ma sei anche mezzo umano. Se il Sacro Gioiello delle Quattro Anime cadesse nelle mani di un demone, i loro poteri aumenterebbero senza dubbio. Tuttavia, se fosse usato per trasformarti in un essere umano, sarebbe purificato. Il gioiello delle quattro anime probabilmente cesserà di esistere. "
― Kikyo [src]

" Liar! Sono stato uno sciocco senza paragoni nel credere ai tuoi racconti inverosimili e nel desiderare di vivere insieme a te. Ti disprezzo con il mio ultimo respiro. Il mio spirito non può dimenticare quell'odio divorante. Quindi finché vivi, il mio spirito non può essere liberato. "
― Kikyo [src]

" Stai dicendo che desideri che io muoia, vero? Perché se la mia anima tornasse alla ragazza, allora smetterei di esistere per sempre. Devi saperlo. È questo ciò che desideri, Inuyasha? Mi rifiuto di morire. Il mio spirito non può riposare in pace finché non ti vedo morto! "
― Kikyo [src]

" Questa è la seconda volta che mi chiedi di morire, Inuyasha. Allora perché sembri così triste? È perché senti il ​​calore dalla mia mano? Il calore della rabbia? Le fiamme della vendetta? "
― Kikyo [src]

" La ruota del destino è sempre in movimento. Eterno. "
― Kikyo [src]

" Inuyasha, non dimenticare mai. Ricorda la sensazione delle mie labbra contro le tue, perché era reale. Non dimenticare mai. "
― Kikyo [src]

" Se fossi vissuto, sarei stato "io" a curare le ferite nella sua anima. "
― Kikyo [src]

" Vai, Naraku ... Raccogli i frammenti del gioiello. E una volta che li avrai trovati tutti, ti manderò all'Inferno. Sono libero di odiare. La mia anima è molto più libera ora di quanto non fosse allora. Liberi di odiare. Liberi di amare. "
― Kikyo [src]

" Inuyasha, Naraku diventerà sempre più forte. Non devi permettergli di ucciderti. Finché non sarò in grado di lanciare Naraku e Shikon Jewel da questo mondo, la tua vita mi appartiene. Nessun altro ti avrà. "
― Kikyo [src]

" È riluttante ad ammetterlo, ma sono certo che abbia un desiderio persistente per me. E nel tentativo di alleviare quella sensazione, sta cercando di sbarazzarsi di me. "
― Kikyo [src]

" Tsubaki, fai come vuoi con Kagome, non ho intenzione di interferire. Ma se mai dovessi fare del male a Inuyasha, provvederò personalmente alla tua scomparsa! "
― Kikyo [src]

" Non potrai mai più essere con Inuyasha. Nemmeno io, perché sono uno dei morti e come tale ... Anch'io non appartengo a questo posto. "
― Kikyo [src]

" Ho scelto di restare qui. Voglio stare vicino a quei bambini per un po '. Inoltre, anche se lo desidero, non posso andare. Inuyasha, li hai visti. Hai visto i miei collezionisti di anime essere respinti dall'aura di questa terra. Mi ci è voluto tutto quello che avevo, solo per stare alla base della montagna. "
― Kikyo [src]

" La battaglia continua. Il fatto che percorra ancora una volta questa strada serve solo a confermare il mio miserabile destino. E cosa mi aspetta oltre questa oscurità. Ancora una volta, ancora una volta, devo accertare dove si trovino quei mortali resuscitati dalla tomba. "
― Kikyo [src]

" No! Perché questi ricordi mi tornano in mente adesso? "
― Kikyo [src]

" Niente mi ferma. Metterò fine alla vita di Naraku. Questo è ciò che significa. "
― Kikyo [src]

" Sono sorpreso che tu abbia permesso a te stesso di essere distratto da quell'abominio. Che patetico. "
― Kikyo [src]

" Non piangere, Kagome. La mia anima è stata salvata. "
― Kikyo [src]

" Mi dispiace, Kaede. Hai sofferto molto a causa mia. Mi dispiace davvero molto. "
― Kikyo [src]


Note

questa pagina è stata revisionata l'ultima volta il giorno 12-07-2024
  1. "Zusetsutaizan Ōgikaiden , pagina 136
  2. The Art of InuYasha
  3. Solo nell'anime
  4. Template:Cita anime
  5. Zusetsutaizan Ōgikaiden , pagina 140
  6. Template:Cite anime
  7. Template:Cite anime
  8. Template:Cite manga
  9. Template:Cite anime
  10. Zusetsutaizan Ōgikaiden , pagina 139
  11. Zusetsutaizan Ōgikaiden , pagina 142
  12. Template:Cite manga
  13. Zusetsutaizan Ōgikaiden , pagina 139
  14. Template:Cite anime
  15. Template:Cite anime
  16. Template:Cite anime
  17. Zusetsutaizan Ōgikaiden , pagina 138
  18. iVLjo0VHQsU episodio 4 PV
  19. "[http: // www .shonensunday.com / articles / 001 / index.shtml Rumiko Takahashi Backstage 1]
  20. Zusetsutaizan Ōgikaiden , pagina 52


Vedi anche

Template:InuYasha Template:Naraku

Advertisement