InuYasha Wiki
Advertisement
Episodio147

Kikyo e Tsubaki, due importanti sacerdotesse.

Nello Shinto, una sacerdotessa o miko (巫女) è una fanciulla del santuario o una sacerdotessa supplementare. In tutto il Sengoku jidai del Giappone, le miko erano sacerdotesse umane che spesso usavano i loro poteri spirituali per combattere gli spiriti maligni e i demoni al fine di proteggere coloro che erano indifesi dalle minacce soprannaturali. Nella moderna cultura giapponese, la sacerdotessa del santuario è stata apparentemente un ruolo istituzionalizzato nella vita quotidiana del santuario, e sono addestrate a svolgere determinati compiti cerimoniali, che vanno dalla purificazione sacra all'esecuzione delle danze sacre.

Storia[]

Le Miko sono le fanciulle del santuario del Giappone che iniziano nel Sengoku jidai del Giappone. Nei tempi antichi, le donne che andavano in trance e trasmettevano le parole di un dio erano chiamate miko, non diversamente dall'Oracolo di Delfi dell'antica Grecia.

Caratteristiche[]

Le sacerdotesse sono donne umane addestrate come guaritrici e guerriere. Combattono principalmente minacce demoniache e sono quindi normalmente esperti in occulto e demonologia. le miko sono generalmente esperti in alcune varietà di arti marziali o nell'uso di un'arma tradizionale giapponese (ad esempio yumi (arco lungo), tantō (coltello) o una qualsiasi delle varie spade giapponesi: katana, wakizashi, ecc.). I verle miko sono anche attribuiti con poteri spirituali che potrebbero essere utilizzati per erigere barriere ed eseguire "magie", specialmente o-fuda. Quindi il livello e il potere di una sacerdotessa è determinato dall'estensione dei suoi poteri spirituali. Tuttavia, sebbene una persona con alti livelli di potere spirituale possa svolgere il ruolo di sacerdotessa, ciò non garantisce che tutte le sacerdotesse abbiano poteri soprannaturali legittimi o potere spirituale superiore alla media.

Il costume o vestito tradizionale di una miko è un chihaya, che consiste in un hakama rosso scarlatto (gonna divisa), un haori bianco e un tabi.

Sacerdotessa Nera[]

Una Sacerdotessa Nera o Kuro Miko (黒 巫女) è una sorta di controparte malvagia della miko tradizionale. Le sacerdotesse nere spesso servono come sacerdotesse rinnegate o streghe malvage. Come le sacerdotsse benevole, sono addestrate in arti spirituali simili e possono avere una conoscenza intima delle armi. La kuro miko è spesso esperta di demonologia e ha una forte padronanza della magia nera.

Mentre una kuro miko indossa anche chihaya, i colori tendono ad essere più scuri (due schemi di colori usati spesso sono nero e viola o nero e oro). In alcune serie anime, kuro miko indossa maschere mentre svolge compiti di ufficio, sia per effetto che per nascondere la propria identità.

La sacerdotessa Tsubaki è l'unico esempio degno di nota di kuro miko o sacerdotessa nera. In effetti Tsubaki dimostra praticamente tutti gli attributi di un kuro miko sia nel controllo che nell'evocazione di demoni, nonché nella sua affinità per i vestiti di colore scuro.

Miko conosciuto[]

Template:Col-begin Template:Col-2

Template:Col-2

  • Botan
  • Hitomiko
  • Kaede
  • Tsukiyomi
  • Kanade

Template:Col-end

Curiosità[]

  • È piuttosto difficile assegnare una definizione rigorosa o una traduzione equivalente in italiano alla parola giapponese "Miko", sebbene i termini Profeta, Medio, Santuario, Sacerdotessa, Suora o Strega siano spesso usati.
    • La traduzione letterale dle miko (巫女) è tuttavia "sacerdotessa", "fanciulla del santuario", "medium" o "maga".
  • In alcune storie romantiche e commedie bishōjo, le mikos sono talvolta ritratti come ragazze attraenti ma eccessivamente serie e capricciose che sono incapaci di avere a che fare con i ragazzi (come temerli o odiarli apertamente).
  • Presumibilmente miko erano vergini, anche se è improbabile che questo fosse vero. Probabilmente è vero che se / quando una donna che prestava servizio come miko si è sposata, ha abbandonato i suoi doveri al tempio per stare con il marito e la nuova famiglia.
  • Va notato che 'kuro miko' non esistono nello shintoismo del mondo reale.
Advertisement